Ha cercato di abusare di una ragazza, ma riceve una sorpresa che l’ha segnato per tutta la vita. Video

0
6206

Purtroppo la violenza è sempre più in aumento, anche quella verso le donne. Uno stupro ti segna per sempre e purtroppo, a volte accade che oltre psicologicamente ti segni anche fisicamente. Diverse donne, dopo un abuso si sono ritrovate  affette da malattie.

COSA E’ SUCCESSO

Un pomeriggio,  Michael Kingston, di diciotto anni, stava ritornando a piedi a casa, dopo una giornata passata al lavoro, quando fu afferrata all’improvviso da un ragazzo che la costrinse a seguirlo. Lei, cercò di ribellarsi, ma l’uomo era troppo forte. Come lei stessa ha dichiarato in tribunale: “Non potevo urlare, stava succedendo tutto molto velocemente, mi ha messo la mano sulla bocca e mi ha minacciato con un coltello”. Ad un certo punto, la ragazza, divenne quasi remissiva, per la gioia del violentatore, che non immaginava mai cosa gli sarebbe accaduto di lì a poco. Il nonno di Michael era sempre in ansia per la nipote e per le continue storie di violenza che leggeva o sentiva. Lui uomo di altri tempi non riusciva ad ammettere che le donne venissero molestate e iniziò una ricerca per cercare di capire se esistesse qualche sistema antistupro. Incredibile a dirsi, ma lo trovò. E’ un dispositivo, denominato  Rape-axe. Come funziona questo dispositivo?  Quando la vittima viene penetrata la sua funzione è quella di tagliare i genitali dello stupratore grazie alle sue 6 lame, che tagliano nel momento in cui l’elemento penetra e quando l’arto viene rimosso.  Questo dispositivo viene introdotto come se fosse un tampone, e non causa alcun danno alla donna, mentre nell’uomo può lasciare cicatrici anche serie sull’arto. Quando ciò accade, lo stupratore cade a terra completamente dolorante, il che dà alla vittima il tempo di scappare e chiamare la polizia. Il nonno se ne procurò una confezione e fece giurare alla nipote che lo avrebbe indossato sempre. Quella promessa mantenuta,  fu la salvezza di Michael. La ragazza una volta libera avvertì immediatamente la polizia che corse sul luogo del misfatto e arrestò l’uomo dopo averlo trasportato in ospedale per le cure del caso. Fu sottoposto ad intervento chirurgico di ricostruzione degli arti . Il criminale era un uomo di 38 anni, Ronald Steadway, che non ha potuto negare la violenza e quindi è stato condannato. Si è calcolato che questo dispositivo ha impedito almeno 54.826 violazione in tutto il mondo. Il RAPEX, dall’inglese rape, stupro, è il profilattico femminile antistupro inventato già nel 2005 dalla dottoressa sudafricana Sonnet Ehlers e fu distribuito gratuitamente durante i mondiali di calcio 2010. Il RAPEX viene inserito all’interno della vagina e diventa invisibile; quando l’aggressore tenta la violenza carnale, i denti del RAPEX imprigionano la pelle del pene come farebbe un amo con un pesce: facile entrare difficile da estrarre. Il RAPEX, che,  per fortuna delle donne, sulla superficie esterna è liscio, rimane sul pene dell’aggressore che in preda al dolore necessita di un intervento chirurgico, visto che, oltre al dolore, è impossibilitato ad urinare. il RAPEX può essere indossato per 24 ore, ed è monouso. Per arrivare a crearlo e perfezionarlo, la dottoressa Sonnet Ehlers, ha impiegato  40 anni.  Come lei stessa afferma, il RAPEX, non è stato creato da lei perchè odia gli uomini, ma per impedire agli uomini di commettere questo tipo di crimine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here