“I bambini ci disturbavano e non volevano dormire” ed ecco questi genitori cosa fanno….allucinante! video

0
52717

Alla luce di tutto quello che si sente, bisognerebbe rendere obbligatorio effettuare un test di l’intelligenza a chi decide di mettere su famiglia e avere dei figli.

Se pensavate di aver  sentito tutto  sulle cose orribili che un genitore può fare a un figlio, bè vi sbagliavate…..ecco una storia orribile che arriva da Washington e che purtroppo ha come protagonisti tre splendidi bambini e i loro genitori.

Ventiquattro anni lei, Ashlee Hutt e suo marito, Leroy McIver di 25 anni, si sono dichiarati non colpevoli delle accuse di aggressione di secondo grado sui loro figli……sono convinti di non aver fatto nulla di male!!!!

Questo è quello che i bimbi hanno raccontato alla polizia: “la mamma e il papà ci danno il succo del sonno, che è una buona medicina che ci fa dormire bene e fare bei sogni!”

[Facebook]

 

“Alcune delle dichiarazioni fatte dai bambini, erano molto preoccupanti, tipo come davano loro  succo del sonno per andare a dormire”, ha detto lo sceriffo  Ed Troyer[Facebook]

Il loro figlio di 6 anni, ha detto alla polizia : “La mamma e il  papà, sia a me che alle mie due sorelle ci hanno fatto vedere come preparavano la buona medicina. La medicina è una polvere bianca che loro mescolano con l’ acqua. Per fare effetto però la medicina deve essere messa in una siringa e iniettata nel braccio. Quando io piango che non voglio prendermela papà mi mette una mano sulla bocca e insieme alla mamma mi fanno la puntura al braccio”

[KIRO]

Gli esami del sangue  a cui i bimbi sono stati sottoposti, hanno rivelato tracce di eroina in due dei tre figli e gli investigatori hanno scoperto lividi e segni sui bambini che sono coerenti con quelli lasciati da un ago.

I bambini sono stati immediatamente dati in  affidamento, mentre le autorità stanno indagando ulteriormente.

Hutt e McIver vivevano con i  loro tre figli in una casa piena di escrementi di topo, siringhe  usate per inniettarsi droga, sparse per casa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here