Il padre lo picchia quasi fino ad ucciderlo! Dopo quasi setta anni i vicini scoprono la verità e fanno una cosa incredibile!

0
40

Il padre lo picchia quasi fino ad ucciderlo! Dopo quasi setta anni i vicini scoprono la verità e fanno una cosa incredibile! Nella vita bisogna avere anche la fortuna di nascere in una famiglia sana che sia disposta a crescerti con tanto amore.

LA STORIA

L’uomo della storia, ha oggi 79 anni ed il suo nome è Norman. All’età di cinque anni scoprì che amava suonare il pianoforte. Era portato per la musica ed era bravo a suonare quello strumento che amava più di se stesso, ma la vita gli aveva dato un padre violento e ignorante. Il padre era un uomo violento che picchiava costantemente sia lui che la madre. Norman era il primo figlio e cercava di proteggere benchè ancora un bimbo sia la madre che i fratelli. E questo il padre lo sapeva. Prima che andasse al letto, proprio quella sera, la madre lo pregò di rimanere sveglio, fin quando non sarebbe tornato il padre, perchè aveva paura………ma quella fu la notte in cui la vita del piccolo cambiò per sempre. Il padre per evitare che Norman corresse in aiuto della mamma, quella notte entrò nella stanza del figlio e iniziò a colpirlo con un martello. Colpì anche i fratelli che nel frattempo erano accorsi ad aiutarlo. Norman di quella notte ha sempre ricordato ben poco, se non di essersi risvegliato   in ospedale tutto sporco di sangue e parzialmente paralizzato… non riusciva più a muovere la mano destra.! Nonostante mesi interi trascorsi in ospedale e anni di riabilitazione, Norman non è mai più riuscito a  riprendere l’uso della mano, ma non si è dato mai per vinto e ha continuato a lottare e a sperare. Purtroppo il suo più grande sogno di diventare un pianista,  si era infranto per sempre, ma ha sempre continuato suonare il piano anche se solo con la mano sinistra. Scoprì per caso,  che alcuni compositori avevano scritto dei brani, che potevano essere suonati con una sola mano. Da quel momento, il suo amore per la vita e il piano, prese il sopravvento e iniziò a suonare con sempre più vigore ed energia. Nelle sue vene, oltre il sangue, è sempre scorsa la musica, tanto che per trent’anni ha diretto un coro, senza rivelare mai a nessuno di saper suonare lo strumento. Un giorno i vicini di Norman, per caso scoprirono la sua storia e a sua insaputa lo iscrissero ad un concorso per pianisti. Per la prima volta salì su un palco non per dirigere il suo coro ma per suonare davanti ad un folto pubblico. All’inizio era quasi paralizzato per l’emozione e per la paura, ma  poi iniziò a suonare e nella sale scese un silenzio quasi imbarazzante. Alla fine del concerto, il pubblico si alzò in piedi e fu una standing ovation.
E’ stato uno dei giorni più emozionanti della sua vita. Il figlio di Norman ha così riassunto il pensiero del padre: “Se ami qualcosa, troverai sempre il modo per realizzare i tuoi sogni, anche se credi di non avere più la forza e il fiato per farlo……se lo vuoi veramente troverai sempre una soluzione ..niente è impossibile!”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here