Quando ha visto il suo bambino che è tornato dall’asilo si è arrabbiata, ma la direzione della scuola le ha detto che il trattamento subito dal bimbo non era da ritenersi violenza!

0
261

Quando portiamo i nostri figli a scuola o all’asilo ci aspettiamo che ad accoglierli ci siano dei professionisti che non badano al loro aspetto, ma a sorvegliarli e a insegnare tante cose eccetto che l’estetica.

COSA E’ SUCCESSO

Una madre di Pasco, nello stato di Washington, è rimasta allibita per quello che le maestre della scuola d’infanzia frequentata dal figlio hanno fatto al bimbo. Glenda Maria Cruz è una madre di un bambino di 2 anni. Queste le sue prole: “Non so come reagirebbero altre mamme se fosse capitato al loro bambino. (…) Mio figlio non può ancora parlare e non so esattamente cosa abbia passato. È davvero difficile pensare solo quello che ha passato,  perché è solo un bambino che non può difendersi. Non ha ancora 2 anni. Ora mi sento una madre cattiva perché non ho potuto proteggerlo quando aveva più bisogno di me.” La donna ha anche aggiunto che il bimbo deve aver sofferto molto perché non poteva nemmeno toccare la parte che iniziava a piangere. Le maestre avevano fatto la ceretta a suo figlio per toglierli le sopracciglia. Ma il suo non è stato l’unico caso. Anche la madre di una bambina di 2 anni, Alyssa Salgado, ha notato che la sua bambina  tornò a casa dall’asilo con la pelle arrossata sulla radice del naso. Nello stesso posto al mattino c’era un livido. Questa la sua testimonianza. “L’ho mandata all’asilo affinchè si occupassero di lei. Quando sono andata a riprenderla ho notato una zona rossa tra le sopracciglia. Pensavo fosse una abrasione, ma no … Queste donne hanno deciso di aggiustare le sopracciglia di mia figlia con la ceretta!” Grazie alla pubblicazione di questi post su Facebook, si è scoperto che non erano solo questi due bambini ad aver subito quel trattamento. Quando Glenda contattò immediatamente la direzione dell’asilo, fu tacciata di essere una bugiarda e visionaria. Lei si aspettava che  i colpevoli fossero puniti e invece accusarono lei. Quando poi a protestare fu anche la mamma di Alyssa e dopo di lei anche altre due mamme, la scuola non si scagliò contro di loro, ma non prese provvedimenti, ritenendo l’accaduto di poco valore e non associabile a una violenza. A questo punto le quattro madri, hanno deciso di sporgere regolare denuncia alle autorità di polizia, che stanno accertando se ci sono anche altri casi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here