Questa coppia ha sconvolto tutti . Le autorità hanno tolto loro i figli e lui si è rivolto alla Corte europea

0
17870

Se al cuore non si comanda, non è spiegabile e accettabile, nemmeno che l’amore tra due fratelli si tramuti in amore coniugale.

UNA STORIA ABOMINEVOLE

Questi due fratelli, hanno avuto sempre una vita difficile. La loro famiglia biologica era composta da nove fratelli più i genitori.  Purtroppo sei dei fratelli morirono. Proprio sia per la situazione economica, che per il tipo di vita che conducevano i genitori, fu necessario  l’intervento degli assistenti sociali. Patrick a 4 anni fu adottato da due genitori che vivevano a Potsdam. Susan, che presentava un ritardo mentale rimase a Lipsia. L’altro fratello fu anche esso adottato. A venti anni Patrick decise di ritrovare la sua famiglia biologica, ma i genitori erano morti e riuscì a mettersi in contatto solo con la sorella Susan che all’epoca aveva sedici anni. Il ragazzo, decise allora di prendersi cura della sorella, ma solo dopo un mese i due fratelli, andarono a vivere insieme, come una coppia di fatto. Era il 2001. Dopo nove mesi ebbero il loro primo figlio. Nel corso degli anni ne hanno avuti ben quattro: due di loro paralizzati e gli altri due  presentano una grave instabilità cardiaca. Ogni volta che la donna partoriva si rivolgeva ad un ospedale diverso per evitare problemi. Infatti alla nascita del loro primo figlio i medici si accorsero che il piccolo era malato e ciò era dovuto al fatto che i genitori erano fratelli. L’ospedale segnalò la cosa alle autorità e il bimbo fu portato via alla coppia. Ma Patrick e Susan, decisero che non si sarebbero fermati, anche se i medici spiegarono loro, che la relazione erano incestuosa e il rischio di avere bimbi malati era alto. Entrambi, volevano una famiglia con figli! I due ragazzi che portavano cognomi differenti, ogni volta che la donna partoriva, affermavano di non essere a conoscenza del loro legame di sangue. Le autorità alla fine, dovettero intervenire definitivamente, denunciando e processando la coppia. Patrick, fu condannato a tre anni, ma nemmeno questo riuscì a farli riflettere. I giudici reguardirono entrambi che nel caso avessero continuato la loro relazione, sarebbe stati condannati entrambi a pene più severe. Una volta scontata la pena, Patrick, ha affermato che  la condanna di incesto ha violato i suoi diritti umani ed ha intrapreso una battaglia legale rivolgendosi persino alla Corte europea. La Corte europea dei diritti dell’uomo, con sede a  Strasburgo, in Francia, ha dichiarato che la Germania era autorizzata a vietare l’incesto, in quanto, come la maggior parte dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa, anche questo stato, vieta gli atti sessuali consensuali tra fratelli adulti. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha  inoltre fatto presente che i tribunali tedeschi, non possono condannare Karolewski Susan, perchè la donna è affetta da un disturbo di personalità e quindi è “parzialmente responsabile” delle sue azioni. Ha inoltre messo in luce “il rischio di danni significativi” ai bambini nati da incesto. Comunque Patrick e Susan a cui sono stati portati ora via tutti e quattro i bambini, ribattono che non sarà una legge che trovano ingiusta a fermarli e che loro continueranno ad amarsi e a fare figli!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here